Papaveri

    Perché i papaveri? Solo leggendo  "La Metamorfosi dei Papaveri" lo si può scoprire. Un romanzo, un thriller, un pugno nello stomaco. Sullo sfondo del secolare conflitto israelo-palestinese tanti sono gli spunti di riflessione che l'autore ci lascia. Ma è ormai impossibile una pacifica convivenza di due stati, uno Palestinese e uno Israeliano? Esistono popoli di serie A e popoli di serie B? Esiste solo violenza e...

Continua a leggere

Giornata della Memoria 2021

  27 gennaio 2021. È un attimo, in queste occasioni, cadere nel retorico. Mi ero ripromesso di non "commemorare" più con alcun post questa ricorrenza, proprio per evitare retoriche (che poi, con tutto quello che abbiamo scritto ultimamente non è stato così difficile), ma, chiedendo scusa, sono di nuovo qua. Sono qui a scrivere perché questa mattina, scorrendo i wall dei vari...

Continua a leggere

Furio Colombo: “Attenzione, ora continua” – Il Fascismo Ferrarese

Guida al fascismo del 1919: “Attenzione, ora continua” La crudeltà del regime in 12 storie dalla provincia ferrarese da: Il Fatto Quotidiano del 10 Feb 2020, di FURIO COLOMBO Sto per parlare di un piccolo libro sul fascismo di particolare importanza. Contiene rivelazioni che di solito mancano e si occupa di dettagli e di fatti apparentemente piccoli e locali. È "Il fascismo ferrarese, dodici articoli per raccontarlo", di...

Continua a leggere

L’ Iran attraverso gli occhi di Francesco Ciprian

  "Ovunque in Iran c’è sempre una porta di casa disposta ad aprirsi e accogliere qualche viandante come me". Questa frase, tratta da "La realtà che noi chiamiamo mondo", il nuovo libro di Francesco Ciprian, illustra con mirabile sintesi una delle principali caratteristiche del popolo iraniano: l'ospitalità. Francesco ha percorso circa 2500 km sulla sua bicicletta nell'agosto del 2017 attraverso le strade dell'Iran,...

Continua a leggere

Giornata della Memoria 2017

Giornata della Memoria - 2017 Scrivere della Giornata della Memoria è impegnativo e pericoloso. In entrambi i casi il nemico in agguato è la banalità. La stessa banalità che Hannah Arendt associa al "Male" quando si rassegna, in un certo qual senso, all'idea che il male perseguito da migliaia di tedeschi (e non solo...)  che si resero corresponsabili delle persecuzioni razziali, fosse dovuto...

Continua a leggere